Ottimo 
4stelle
L’andamento stagionale di inizio anno (fine gennaio Inizio marzo) caratterizzato da temperature miti ha favorito l’ingrossamento precoce delle gemme.
A metà aprile un abbassamento brusco delle temperature ha provocato, soprattutto nelle aree di fondo valle, il congelamento di alcuni germogli riducendo il carico di uva per ceppo di circa il 5-10%.
I restanti mesi sono stati caratterizzati da temperatura ed umidità nella media senza provocare rilevanti problemi di malattie crittogamiche.
Le temperature di luglio ed agosto non hanno raggiunto valori elevati e benché non ci siano state piogge non c’è stata la conseguente disidratazione dell’uva così che sono state ottenute delle gradazioni alcoliche potenziali equilibrate.
Le piogge di inizio settembre e l’abbassamento delle temperature hanno rallentato la maturazione tecnologica dell’uva posticipando di alcuni giorni la vendemmia del sangiovese.
Dopo la prima metà di settembre si è registrato un netto miglioramento climatico con scarsissime piogge, giornate soleggiate e temperature che ad ottobre hanno superato le medie stagionali.
Confrontando i dati dei campionamenti eseguiti (17/18) settembre), rispetto allo stesso periodo dell’anno passato, l’uva Sangiovese si presenta con acidità totale leggermente più alta (6,50/6,80 g/l) e pH più basso (3,10/3,18).
Grazie a queste favorevoli condizioni climatiche l’uva Sangiovese, a differenza della situazione prospettatasi inizialmente, ha raggiunto un buon livello di maturità tecnologica ottenendo così Acidità Totale ( 5/5,35 g/l) e pH (3,30/3,50) nella media con gradazioni alcoliche equilibrate.
Per quanto riguarda invece i composti polifenolici tutto quanto era stato evidenziato dai campionamenti eseguiti è stato confermato. L’uva Sangiovese si è presentata alla vendemmia 2001 particolarmente ricca di composti polifenolici ma ancora più sorprendente è stato l’alto livello di estraibilità degli stessi tanto che a fermentazione ultimata gli antociani estratti sono sicuramente superiori rispetto alla vendemmia 2000.
Da sottolineare il fatto che i risultati migliori si sono ottenuti con uve raccolte tardivamente e cioè da 10 ottobre in poi.
Dalla degustazione i vini esprimono buone sensazioni fruttate complesse che in bocca si traducono in un elevato senso di ampiezza e rotondità.

Le recensioni dei nostri Vini

Guida Gambero Rosso 2005

Guida Veronelli 2005

Guida  DuemilaVini AIS 2005

Guida dell’Espresso 2005

Guida L’Italia dei Vini e del Gusto 2005

Recensiti da Robert Parker su The wine advocate 2003 

Guida del Gambero Rosso 2006

Guida Veronelli 2006

GuidaDuemilaVini AIS 2006

Guida dell’Espresso 2006

Share this article

About admin

You May Also Like

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *



poderiboscarelli.it © 2017 BOSCARELLI S.S.A P.IVA 00957420524 Boscarelli Vino Nobile di Montepulciano .